Ricciardo ha messo a nudo la Renault

Gruppo Renault, costruttore dell’anno per TopGear
Gennaio 11, 2020
Nuova i10 Go Big
Gennaio 17, 2020

Ricciardo ha messo a nudo la Renault

L'arrivo del pilota australiano ha messo la scuderia francese di fronte ai suoi limiti

Roma – Tra i tanti temi attesi nel 2019 c’era l’esordio del binomio Ricciardo-Renault. La scuderia francese ha strappato l’australiano alla Red Bull a peso d’oro sottolineando che il treno del classe 1989 era un’occasione unica sul mercato piloti da non lasciarsi scappare. Daniel Ricciardo all’esordio in Red Bull nel 2014 colse tre vittorie contro le zero del quattro volte iridato Sebastian Vettel, poi al cospetto di Max Verstappen non ha sfigurato chiudendo i conti in parità a livello di vittorie rispetto all’olandese nel 2016 e nel 2018 (2 a 1 per Verstappen le affermazioni nel 2017). Il team principal della Renault, Cyril Abiteboul, ha ammesso che il 2019 è stato da un certo punto di vista decisamente istruttivo per la scuderia francese, che ha fallito gli obiettivi pur potendo contare su un pilota di prim’ordine come Ricciardo: “Il 2019 ci ha messo a nudo, non potevamo più nasconderci con due grandi piloti e un motore decisamente migliorato rispetto alle power unit che lo hanno preceduto, ma questa è la F1 – ha dichiarato Abiteboul intervistato da Motorsport.com – ma la stagione non è stata assolutamente da buttare perché abbiamo potuto verificare chiaramente quali sono i nostri punti deboli ed alcuni di essi risalgono addirittura a quando il team si chiamava ancora Lotus. Ricciardo ci ha messo addosso pressione, ma è un elemento positivo si vuole crescere ed eccellere in F1″. Intervistato dalla testata australiana Sunday Times Ricciardo ha dichiarato di augurarsi un 2020 roseo con la Renault per ipotizzare una permanenza nel team francese quando la F1 cambierà pelle nel 2021. Nella prossima stagione Ricciardo sarà chiamato all’ennesimo confronto diretto tutto da seguire contro Esteban Ocon, talento emergente che dopo un 2019 in panchina sarà estremamente desideroso di far parlare di nuovo di sé.