Renault svela ammiraglia autonoma e connessa del 2023

Anche Renault investe a favore del clima
21 Dicembre, 2017
Dopo quattro anni il mercato torna ai valori del 2010
3 Gennaio, 2018

Due motori elettrici da 670 Cv per una guida anche dinamica

Roma – Renault rompe con le regole ed anziché attendere i primi del 2018 e l’ormai tradizionale appuntamento con l’innovazione spinta della mobilità al Consumer Electronic Show di Las Vegas, apre la sua ‘finestra’ sul futuro dell’automobile – rigorosamente autonoma, elettrica e connessa – e mette su strada l’avveniristico concept Symbioz che era stato svelato staticamente all’ultimo Salone di Francoforte. L’arrivo di un modello derivato da Symbioz – oggi prima applicazione di prototipo funzionante – non è molto lontano, visto che la Casa della Losanga fissa questo traguardo per il 2023. A quella data, secondo Renault, gli spostamenti diventeranno vere e proprie esperienze multisensoriali e personalizzate, con un abitacolo in grado di riconfigurarsi a seconda della modalità di guida prescelta e con un’auto integrata nell’ecosistema del conducente e dei suoi passeggeri. ”E’ impossibile immaginare il futuro della mobilità personale prima di essere saliti a bordo di Symbioz Demo car – ha commentato Gaspar Gascon Abellan direttore ingegneria del Gruppo Renault – I nostri team di sviluppo, associando ingegneria, design e prodotto, si sono spinti oltre i confini del tempo. Quest’auto autonoma, elettrica e connessa, ci trasporta immediatamente nel prossimo decennio, per vivere un’esperienza inedita e scoprire un nuovo modo di viaggiare.