Xavier Martinet, ‘Renault in Italia può crescere ancora’

Salone di Parigi 2018, La rivoluzione è davvero incominciata. La visione di Renault
Ottobre 3, 2018
Macron allo stand Renault al Mondial de l’Auto
Ottobre 11, 2018

Roma – Forte di una importante esperienza nei settori delle vendite, del marketing, dei servizi al cliente e dello sviluppo rete, Xavier Martinet – nuovo Direttore Generale di Renault Italia – ha già delineato un preciso programma per la crescita della Losanga nel nostro Paese, puntando non solo sui prodotti ma anche sull’intera filiera del ‘business’ auto e veicoli commerciali, dalla vendita attraverso i concessionari o le filiali dirette fino all’aftersales e alla valorizzazione dell’usato. ”Renault ha una posizione di forza in Italia – ha detto Martinet durante un incontro al Salone di Parigi – ma ha anche la potenzialità per fare ancora meglio”. Nei primi 9 mesi dell’anno il Gruppo francese si è collocato, sommando i brand Renault e Dacia, al 9,94% di quota sul mercato totale. ”Se confrontiamo la situazione in Italia – ha specificato Martinet – con quella in altri mercati continentali, c’è spazio per crescere in diversi ambiti, come nelle vendite alle flotte, nel settore dei veicoli commerciali e con il marchio Dacia”. ”Sandero è l’auto più venduta a privati in Europa – ha detto il nuovo direttore generale di Renault Italia – ma nel nostro mercato è solo al sesto posto. Stiamo lavorando sul piano dell’offerta e della comunicazione per rendere ancora più interessante la scelta di Sandero, in tutte le sue declinazioni, da parte del cliente italiano”. Tra i punti di forza di Dacia, va ricordato, oltre al conveniente rapporto tra qualità, contenuti e prezzo, vi è la possibilità di ottenere l’alimentazione a Gpl su tutta la gamma. Martinet – che è nato a Fontenay aux Roses in Francia 43 anni fa ed è entrato nel Gruppo Renault nel 1997 – non intende trascurare, per il brand Dacia, nemmeno l’ambito della rete e del post-vendita, contando su una squadra di 188 venditori dedicati alla marca in tutta Italia. ”Stiamo lavorando per avere una specifica identificazione degli show-room Dacia. Tutto ciò che nel back-office e nelle officine – ha spiegato Martinet – vista anche la condivisione di elementi tra i due brand, funziona perfettamente. Ma vogliamo che il cliente Dacia abbia una esperienza personalizzata, più vicina alle sue necessità e alle sue attese”. Tornando a Renault, il nuovo direttore generale per l’Italia ha ricordato durante l’incontro la sua esperienza negli Stati Uniti e in Francia, dove una rilevante quota del business dei dealer arriva dall’usato. ”Grazie alle nuove formule di vendita, al noleggio a lungo termine anche ai privati e al lavoro di fidelizzazione della clientela – ha detto Martinet – la nostra rete ritira oggi auto molto fresche, Euro5, con tre anni di vita e una costante manutenzione”. Si tratta di vetture che sono una grande opportunità per chi vuole un modello dotato di tutta la moderna tecnologia e di soluzioni per ridurre le emissioni, senza dover affrontare spese eccessive.