Renault e Publicis Italia collaborano per vendere auto tramite chatbot The Drum intervista Elisabeth Leriche

Dacia Sandero Streetway Offerta
ottobre 12, 2018
L’analisi. Ossessione elettrica, il paradosso dell’auto Investimenti mostruosi e decine di nuovi modelli in arrivo, ma il mercato non è pronto. I costruttori però non si fermano: ecco perché
ottobre 15, 2018

Roma – La campagna, ideata da Publicis Italia, presenta storie Instagram in stile manga che promuovono il SUV Captur di ispirazione giapponese. I potenziali clienti possono guardare queste cosiddette “Tokyo Stories” e collegarsi con un chatbot di un personaggio dei racconti per preordinare l’auto tramite Facebook Messenger. “Volevamo concentrare la discussione sui social media per intercettare un nuovo pubblico meno incline a venire a visitare uno showroom”, ha detto a The Drum Elisabeth Leriche, responsabile della pubblicità e CRM di Renault Italia. “Maovviamente, se vendere attraverso chatbot si rivela efficace, perché non estendere l’operazione e creare un profilo per tutti i nostri rivenditori? “Abbiamo accelerato il nostro processo per creare marketing in tempo reale per rispondere alle esigenze dei nostri consumatori, quindi è sicuramente parte di una strategia digitale più globale.” Renault afferma che questa è la prima auto venduta attraverso un chatbot su Facebook Messenger. La campagna è stata lanciata il 10 ottobre e Renault Italia ha ricevuto due ordini entro 24 ore. “Questa edizione molto speciale è ispirata da Tokyo e, come la città stessa, è un mix di tradizione e grande innovazione”, ha affermato Leriche. “Così, per tradurre questo concetto in comunicazione, abbiamo scelto di creare storie di Instagram insolite usando il linguaggio tradizionale di Manga.” Leriche ha dichiarato che Renault Italia desidera collaborare con Facebook e Publicis Italia per fornire ai clienti una navigazione trasparente tra la visualizzazione di contenuti di marca e gli acquisti. Alla domanda se ci fosse qualche preoccupazione nel vendere articoli di alto valore su Facebook date le recenti violazioni dei dati, Leriche ha detto che Renault Italia non vuole commentare un “problema delicato”, ma non c’è mai stata alcuna preoccupazione riguardo al lavoro con Facebook.